Casa del Pellegrino San Sisto Roma


Vai ai contenuti

Itinerari Turistici

Le 4 basiliche
Dall'anno 1300, per opera di papa Bonifacio VIII, iniziò la celebrazione del "Giubileo" a Roma, chiamato anche "Anno Santo". Durante questo periodo è possibile lucrare l'indulgenza plenaria visitando almeno una delle 4 grandi basiliche romane. Inizialmente il Giubileo si teneva ogni 100 anni. Ora si tiene ogni 25 anni. Allo stesso modo inizialmente per lucrare l'indulgenza plenaria era necessario visitare tutte e quattro le grandi basiliche, e cioè: San Giovanni in Laterano,la madre di tutte le chiese nel mondo, Santa Maria Maggiore,eretta nel 352 dopo l'apparizione della Madonna, la Basilica di San Pietro, lachiesa più grande della cristianità, e San Paolo fuori le mura, consacrata nel 324 e purtroppo distrutta dal fuoco nel 1823, per essere poi ricostruita sulle stesse fondamenta e consacrata nel 1854 da Papa Pio IX.

Da Villa Celimontana a San Giovanni in Laterano
Villa Celimontana, punto di partenza del nostro percorso, si trova sul colle del Celio e si raggiunge con la linea B della metropolitana. La Villa, oggi parco pubblico, appartenne intorno alla metà del 500' alla Famiglia Mattei. Tuttora, a fianco del portale d'ingresso, si trova la chiesa di Santa Maria in Domnica e la Fontana della Navicella mentre alla sinistra del vialetto d'ingresso si innalza un antico obelisco, uno dei pezzi più importanti dal punto di vista storico della villa. Da quella che un tempo era l'Antica Villa, oggi sede della Società Geografica Italiana, si esce in Via di Navicella e prendendo a sinistra Via Amba Aradam, si arriva a San Giovanni in Laterano.


Dalla Piramide alla Bocca della Verità
A fianco di Porta San Paolo, che si può raggiungere con la linea B della metropolitana, sorge la Piramide Cestia monumentale tomba di epoca romana, eretta in onore di Caio Cestio Epulone. Proseguendo per Viale Giotto e per Viale Guido Baccelli, si arriva alle Terme di Caracalla uno dei più grandi complessi termali dell'antichità. Il nostro itinerario continua per la "Via delle Terme di Caracalla", giungendo al Circo Massimo, grande esempio di architettura della Roma etrusca, fatto costruire per gli spettacoli dal re Tarquinio Prisco.Lungo "Via del Circo Massimo", si raggiunge la chiesa di Santa Maria in Cosmedin, dove è ospitata la maschera della Bocca della Verità che dà anche il nome alla piazza antistante. Secondo la tradizione, chiunque proferisca il falso dopo aver inserito all’interno della maschera la mano, la perderà.

Dal Gianicolo a Castel Sant'Angelo
Dal Gianicolo, punto di partenza del nostro itinerario, dopo aver gustato la splendida vista panoramica sul centro di Roma, si prosegue per la "Via Passeggiata del Gianicolo". Alla fine della via voltando a sinistra per si arriva alla Città del Vaticano. Qui si potrà trascorrere un bel pomeriggio visitando la Basilica di San Pietro e la Cupolacon vista panoramica sulla città. Il nostro percorso prosegue con la visita ai Musei Vaticani che ospitano la celebre impreziosita dal Giudizio Universale, le Sale dipinte da Raffaello Sanzio e una ricchissima collezione di opere d’arte. Riprendendo il nostro itinerario e proseguendo per Via della Conciliazione, si arriva a Castel Sant’Angelo collegato alla città di Roma da Ponte Sant’Angelo dove si potranno visitare tutti gli ambienti della fortezza.

Dalla Fontana di Trevi all’Arco di Costantino
Partendo dalla Fontana di Trevi, sosta obbligata per chi è in visita a Roma, si prosegue per Via del Corso fino ad arrivare alla famosa Piazza Venezia che sorge alla base del Campidoglio, oggi sede del comune di Roma. Lasciando il Campidoglio dove si potrà ammirare sulla piazza antistante, la Statua di Marco Aurelio si prosegue la nostra passeggiata per Via dei Fori Imperiali fino ad arrivare al Foro Romano simbolo dell’antichità della civiltà romana. Proseguendo il nostro percorso per la Roma antica, non lontano dal Foro Romano, non si potrà fare a meno di visitare tanto il Colosseo, simbolo per eccellenza del potere romano ed uno fra i monumenti più conosciuti al mondo, quanto l'arco di Costantino.



Torna ai contenuti | Torna al menu